Compagnia Teatrale “El Passì”

JESI (AN)

___________________________________________________________

 

Ultime notizie

Spettacolo 2017

Grande successo per la commedia:

"Ma lia a lu'... que j'era?"

rappresentata per la prima volta al Teatro Pegolesi di Jesi il

SABATO 4 MARZO 2017 alle ore 21:15

 

 

er i prossimi appuntamenti vi rimandiamo al seguente link

 

STAGIONE 2017

 

Du' parole sulla commedia di quest'anno:

È una commedia “spiritosa” quella che El Passì porta in scena quest’anno per la stagione teatrale 2017.

Un sottile velo tragicomico avvolge le vicende della famiglia di Osvaldo e Cesare, rispettivamente padre e figlio, presi nell’impegno di salvare la loro casa dalle grinfie della perfida Malvina. La storia si svolge nei primissimi anni del secolo scorso, quando la povertà imperversava nei paesi e a volte si doveva lottare contro la fame e la mancanza di lavoro per poter vivere dignitosamente.

Eppure, nonostante le difficoltà, non mancano l’armonia e l’allegria, sorrette da uno “spirito” di collaborazione e di complicità. I personaggi si muovono dentro una simpatica sceneggiatura, arricchita di esilaranti effetti speciali. Come sempre, sarà il lieto fine a trionfare.

___________________________________________________________

 

Continua la solidarietà

Lo spettacolo realizzato al teatro di Maiolati Spontini il 6 Maggio scorso è servito per raccogliere fondi per l'associazione Onlus "Il Battito che unisce" allo scopo di realizzare un campus scolastico presso la missione Carmelitana di Chang'ombe in Tanzania.

Il servizio della TGR Marche del 7/5/17 ha ricordato l'evento


Spettacolo 2016

(Composizione fotografica a cura di Angelo Fava)

Grande successo per lo spettacolo 2016 della compagnia teatrale "El Pasì". La commedia, dal titolo "Strolligo pe' forza!", è stata  rappresentata nei giorni di Sabato 12 marzo e Domenica 13 Marzo al teatro Pergolesi di Jesi


Luglio 2015

La nostra compagnia è stata selezionata per partecipare alla VI edizione del Festival nazionale del teatro dialettale che si è svolta a Terni durante l'ultima settimana di Luglio.

La rappresentazione della commedia "Tra la moje e i picciù... non se ne pole più!" è andata in programma il giorno 31 Luglio 2015 alle ore 21:15 presso l'anfiteatro della cittadina umbra.


Da "Voce della Vallesina" del 15 Marzo 2015

L’umile bellezza dei vicoli del centro storico jesino, spruzzati di voci, silenzi, allegria in scena nella nuova opera che la Compagnia teatrale “El Passì” propone a chiusura della Rassegna Lo Sberleffo 2015. "Tra la moje e i picciù... non se ne pole più! "è una commedia brillante in due atti in vernacolo jesino, libero adattamento del testo originale Storie de pistacoppi, di Mauro Valentini, per la regia di Walter Ricci. Due gli appuntamenti in programma al Teatro Pergolesi di Jesi: sabato 21 marzo, ore 21.15 e domenica 22 marzo, ore 17.15.

Si torna indietro nel tempo, nel 1977: nasceva ufficialmente la televisione a colori e il totocalcio era la passione nazional-popolare. Nei centri storici la vita di ciascuno si stringeva a quella del vicinato.

Chi non ricorda quando ci si sedeva nei caratteristici vicoli e si tessevano, come telai, tavole di esperienze comuni dense dei fili intimi di storie quotidiane? Chi non sorride ripensando ai vicinati, allegri artigiani delle parole mormorate?

E proprio a Jesi, nel suggestivo centro storico, vicino al Domo, una tranquilla famiglia circondata da tranquilli vicini più o meno im… piccioni consegna la sua storia e uno scampolo di passato al palcoscenico jesino.

Personaggi e interpreti sono Costantì -Mauro Rosati; Dilì - Laura Pigliapoco; Rosì - Francesca Fava; Paola - Carolina Trillini; Medè - Roberto Fava; Margherì - Maria Carla Cesaroni; Virgì - Oriana Bolletta; Armà- Rossano Cerioni; Luigino - Mirko Maiolatesi; Vittò- Stefano Bonazza; Antonietta – Maria Giannetta Grizi; Voce fuori campo e presentatrice- Stefania Sanviti. La scenografia è di Mauro Rosati.

Collaboratori artistici sono Serena Sbarbati-rammentatrice, i tecnici audio e video Roberto Trillini e Maurizio Marzioni, Oriana Ferretti per le acconciature e Cecilia David per il trucco.

Per la prima volta El Passì porta in scena un’opera di Mauro Valentini, autore di numerosi testi teatrali in vernacolo maceratese, poeta, vignettista e pubblicista.

Interessato fin da giovanissimo al dialetto ed in generale alle tradizioni popolari della nostra terra, negli ultimi anni ha vinto due edizioni del Premio Varano e, nel 2014, lo speciale “Superpremio del Quarantennio” che ha premiato il miglior racconto breve tra tutti i vincitori delle varie edizioni del festival varanese. Ha vinto inoltre una edizione del Premio Nazionale Poesia Onesta a Falconara (sezione narrativa dialettale) ed il Premio “La Nostra Terra” con il racconto in lingua “Marcheshire”.

Il regista Walter Ricci, che ha iniziato l’attività teatrale negli anni ’80, ha lavorato con numerose compagnie teatrali sia come attore che come regista, fra cui Il laboratorio teatrale del Teatro Pergolesi e La Barcaccia” di Jesi, La Compagnia Uncini di Cupramontana, La Compagnia dell’Arco di Castelbellino, La Callarola di Moie, La Compagnia del Giallo e La Compagnia dei dilettanti… ma non troppo! di Maiolati Spontini. Ha collaborato con l’Università degli adulti della Media Vallesina come docente del corso di Lettura espressiva e alla rassegna estiva Trivio e Quadrivio curata dal Comune di Maiolati Spontini. Ha frequentato corsi di dizione e recitazione tra cui uno diretto dal regista e critico teatrale Lucio Chiavarelli di Firenze. Ha vinto recentemente, come autore, il premio della Critica al concorso nazionale 100 anni dall’inizio della Grande Guerra per la poesia Il calore di un sussurro - 5 febbraio 1918.

Per El Passì questo è il quindicesimo nuovo lavoro teatrale allestito dal 2002, anno della sua nascita. Un bel record, che lascia intuire la passione e l’impegno della Compagnia, pluripremiata da diversi anni in molte Rassegne e Concorsi. Ma soprattutto seguitissima: il teatro strapieno ad ogni rappresentazione è il tributo del pubblico a un gruppo di persone che si impegna per rallegrare e a mantenere vive le tradizioni locali, con lo spirito di solidarietà e di attenzione alle necessità comuni. Anche quest’anno, infatti, il ricavato delle due rappresentazioni sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana-Comitato di Jesi.

 (Tiziana Tobaldi)